Salvini a Olbia: “Se uno dice “prima i sardi degli stranieri”, non è certo un razzista: non rassegnatevi”

Bagno di folla per Salvini a Olbia: “Se uno dice “prima i sardi degli stranieri”, non è certo un razzista. E questo dipenderà dalle prossime elezioni regionali. Ospedale dopo ospedale, strada dopo strada, questa tornerà ad essere l’Isola più bella di tutta Europa”

Prima uscita di Matteo Salvini in Sardegna, arrivato a Olbia: “Se uno dice “prima i sardi degli stranieri”, non è certo un razzista. E questo dipenderà dalle prossime elezioni regionali: perchè le case popolari non devono essere affidate prima i sardi?”. In serata sarà a Tortolì, domani a Cagliari per annunciare il candidato governatore, quasi certamente Christian Solinas del Psd’Az. “Ci rivedremo in Sardegna, tornerà sia prima che dopo le elezioni: in questi 90 giorni spargete entusiasmo, l’unico avversario tra la Sardegna e il cambiamento non è il Pd, è la rassegnazione dei sardi. Non rassegnatevi al fatto che i figli devono emigrare, che i traghetti costano un occhio della testa, che le strade sono da rifare. Ospedale dopo ospedale, strada dopo strada, questa tornerà ad essere l’Isola più bella di tutta Europa. Non si campa di solo turismo, occorrere vivere l’isola dodici mesi all’anno. Portate in giro questo entusiasmo e noi stravinceremo le elezioni regionali. Viva la Lega, viva la Sardegna!”


In questo articolo: