il-diavolo-sulla-sella / 11 Aprile 2018

Sardegna, la confessione di una dottoressa: “Noi, nella disorganizzazione totale”

Il bellissimo post di una dottoressa che opera a Carbonia: "Con gli OSS stravolti di notte, soli con mille incombenze, gli esami di laboratorio che vengono inviati fuori, i farmaci che finiscono e qualche volta anche le garze.Ma a parte questo, che è solo la punta dell'iceberg, perché non ho parlato del burnout, del pericolo continuo di certe situazioni, della disorganizzazione più totale... La cosa che più mi sconvolge è il silenzio. La gente dov'è davanti al silenzio? Dove sono le mamme dei bambini? I parenti dei pazienti infartuati portati a Cagliari? I pazienti a cui ho detto :mi dispiace, non posso fare l'ecografia?"

Di